Cause e Sintomi

Cause

Le cause della comparsa di tumori nei nostri amici pelosi oggi sono poco certe, ad eccezione di alcune neoplasie, quali quelle mammarie nelle femmine non sterilizzate in giovane età, i linfomi associati al virus della leucemia felina (FeLV), i carcinomi della vescica la cui insorgenza pare possa essere favorita da alcuni erbicidi; i sarcomi indotti da iniezione in gatti predisposti o i carcinomi indotti dalle radiazioni solari nei soggetti a pelo chiaro. Il fumo passivo di sigaretta e l’inquinamento ambientale potrebbero favorire lo sviluppo di tumori tonsillari nel cane e certamente l’amianto, come per l’uomo, provoca il mesotelioma pleurico, mentre non ha alcun fondamento la credenza che gli alimenti confezionati possano avere una qualsiasi influenza sullo sviluppo del cancro (carcinogenesi).

Un fattore che può aiutarci nella diagnosi è il “segnalamento”, cioè conoscere il sesso, la razza e le condizioni fisiologiche dell’animale, poiché si sa che determinate razze canine e feline sono maggiormente predisposte allo sviluppo di particolari tipi di tumore. Ne sono un esempio l’osteosarcoma degli arti che colpisce soprattutto cani di razze grandi e giganti (Rottweiler, San Bernardo, alano) ed è estremamente maligno, l’emagiosarcoma della milza, piuttosto frequente nel pastore tedesco, il mastocitoma nel boxer e nel Labrador o l’istiocitosi maligna del cane bovaro del bernese.

Le cagne non sterilizzate sono in generale più soggette ai tumori mammari, di solito benigni se comparsi dopo il calore in soggetti che soffrono di gravidanze “immaginarie”, maligni se comparsi nel periodo inter-calore o in animali sterilizzati in età avanzata.

Tra le razze feline, la siamese è maggiormente predisposta allo sviluppo di un tumore della cute denominato mastocitoma, mentre i soggetti con colorazione chiara o bianca della testa possono sviluppare il carcinoma squamoso indotto da radiazioni solari e quelli affetti da virus FeLV linfomi anche in giovane età.

Sintomi

Ecco quali sono i segni o sintomi, che potete rilevare sul vostro animale da compagnia, che vi devono mettere in allarme sulla possibilità che possa aver contratto un tumore:

  1. Tumefazioni o gonfiori anormali che persistono o continuano a crescere o che provocano prurito persistente. Accarezzate spesso il vostro amico su tutto il corpo giocandoci, solo così potete accorgervi se vi sono noduli anormali.
  2. Ferite che non rimarginano o inducono a toccarsi spesso, possono essere segno di infezione, ma anche di tumore.
  3. La perdita di peso potrebbe essere l’ inizio di una malattia
  4. Perdita di appetito, in quanto normalmente un animale non perde appetito , può essere un segno di malattia.
  5. Perdite di sangue o di altro materiale sospetto dalle aperture naturali che possono esserci per numerosi motivi ma la maggior parte delle volte è segno di malattia.
  6. Gli odori forti sono frequenti nei tumori del naso , della bocca, dell’ ano.
  7. Difficoltà nel mangiare o nel deglutire sono un segno frequente nei tumori della bocca e de collo.
  8. Difficoltà e riluttanza a muoversi sono sempre dei segnali che il nostro amico non si sente bene.
  9. Se notate difficoltà a urinare, a defecare o a respirare, portate subito il vostro amico dal veterinario.
  10. Il dolore persistente può essere il segno di un tumore osseo, muscolare, del tessuto nervoso.